Condividi

CONTATTACI

Sì Breakfast consiglia

Breakfast Award, la premiazione

Sfondo (in Pagina Consigli)

C’è un premio, tra i 480 che vengono ogni anno distribuiti in Italia nel settore dell’ospitalità e del food, che coglie un’esigenza reale: dare voce a un aspetto sempre più importante per gli ospiti di un hotel, quello delle prime colazioni.

Nasce per questo la prima edizione di Breakfast Award, ideata da Teamwork Hospitality, società di servizi di consulenza e formazione per il turismo, che ha avuto il suo apice con le premiazioni in occasione dell’ultima edizione di Hospitality Day, la giornata formativa per eccellenza rivolta a chi opera nel turismo, a Rimini l’8 ottobre scorso. A questo appuntamento si è arrivati dopo che la giuria – formata da Damiano De Crescenzo, direttore del gruppo Planetaria Hotels, Paolo Petracca, F&B Supervisor Enterprise Hotel Milano, Luigi Franchi, direttore di sala&cucina, Mauro Santinato, presidente Teamwork, Gaetano Barbuto, consulente Teamwork – ha visionato le oltre 200 candidature pervenute. “Non sono moltissime, se consideriamo il numero di hotel che ci sono in Italia. – ha dichiarato Mauro Santinato – Ma sono tante se invece valutiamo che il premio è stato formulato solo in tre mesi e la comunicazione non ha avuto un budget così robusto. Comunque siamo soddisfatti perché abbiamo messo un dito nella piaga, evidenziando quello che è un aspetto ancora troppo poco considerato dagli hotel e, al contrario, di sempre maggiore importanza per gli ospiti. E gli hotel e le strutture extraalberghiere che hanno partecipato sono quelle più avanti su questo tema”.

La premiazione

Partecipare al premio non prevedeva alcun costo e le strutture dovevano, con l’utilizzo di foto, di video, di strumenti con cui comunicano il loro breakfast (sito e social), dare alla giuria gli elementi per valutare correttamente il valore delle loro proposte.

Il premio era suddiviso in quattro categorie: hotel a cinque stelle, a quattro e a tre stelle, strutture extraalberghiere. “Abbiamo notato una cosa molto particolare. – racconta Damiano De Crescenzo, il quale, facendo parte della giuria, non ha fatto partecipare nessuna delle nove strutture del gruppo Planetaria Hotels – Gli hotel tre stelle hanno fatto un grande sforzo di creatività nel formulare proposte interessanti, con materie prime che hanno tenuto in gran conto il territorio e la biodiversità, andando incontro a quella voglia di esperienza che attualmente accomuna chiunque sceglie un hotel in Italia”.

La premiazione, come abbiamo scritto, è avvenuta al termine di una giornata ricchissima di occasioni formative e di conoscenza. Quest’anno, infatti, Hospitality Day ha superato ogni aspettativa in termini di presenza e la sala in cui si è svolta la premiazione aveva un’autentica aura di festa. La prima categoria ad essere premiata è stata quella degli hotel a cinque stelle, dove i finalisti sono stati cinque: Grand Hotel Portovenere di Portovenere (SP), Grand Hotel Sitea di Torino, Il Melograno di Monopoli (BA), Hotel Melià di Genova e il Park Hyatt di Milano. Il vincitore è stato Il Melograno di Monopoli con la seguente motivazione: “Per la freschezza e l’eleganza dell’ambiente dedicato al breakfast, l’alta qualità dei prodotti proposti e l’attenzione all’esperienza «local»”.

Nella categoria quattro stelle, invece, oltre al vincitore c’è una menzione speciale. I finalisti sono sempre cinque: Hotel Caesius Thermae & Spa Resort di Bardolino (VR), Hotel Luise di Riva del Garda (TN), Hotel Orient & Pacific di Jesolo (VE), Montivas Lodge di Livigno (SO) e Unahotels One di Siracusa. Tra loro il vincitore è Hotel Luise di Riva del Garda con la seguente motivazione: “Per la passione, l’autenticità, i valori genuini della tradizione locale trasmessi, per il particolare coinvolgimento dello staff e l’artigianalità dei prodotti proposti”. La menzione speciale va all’ Hotel Caesius Thermae & Spa Resort di Bardolino, con queste parole: “Per il design del layout, allo stesso tempo minimal, elegante ed ergonomico della sala breakfast”.

I tre stelle, come ha detto Damiano De Crescenzo, sono stati i più difficili da giudicare, per la sorpresa di tante belle sale e per le proposte originali che hanno formulato. Era anche la categoria più numerosa e, in finale, sono arrivati in sei: Best Western Plus Soave Hotel di San Bonifacio (VR), Hotel Anastasi di Cervia (RA), Hotel La Pace di Pisa, Hotel Little di Riccione (RN), Oxygen Lifestyle Hotel di Rimini e Up Hotel di Rimini. Il premio, in questa categoria, è stato ex-aequo ed è andato “Per la ricchezza e la varietà delle proposte, frutto di aggiornamento continuo, per l’attenzione a ogni tipologia di gusto ed esigenza e per la praticità e l’originalità del layout” al Best Western Plus Soave Hotel di San Bonifacio, mentre “Per l’originalità del set-up, la varietà dei prodotti, l’atmosfera fresca e coinvolgente, la fantasia e l’innovazione” è stato scelto l’ Up Hotel di Rimini. Anche qui una menzione speciale “Per la modalità piacevole e coinvolgente con cui l’esperienza del breakfast viene comunicata su web e social, aggiungendo valore e interagendo con gli ospiti in maniera originale” è stata assegnata all’ Hotel La Pace di Pisa.

Infine la categoria extraalberghieri che ha visto sempre cinque finalisti: B&B Casa Dolce Casa di Ruvo di Puglia (BA), Cas'E Charming House di Caserta, Casa Marzapane di Chieti, Relais Degli Angeli di Siena e Youmami Lifestyle di Giulianova (TE). Ad aggiudicarsi la vittoria è stata Casa Marzapane di Chieti con la seguente motivazione: “Per la capacità di creare un ambiente accogliente e familiare, con una proposta legata alle eccellenze del territorio, valorizzate in tutti i loro aspetti”.

L’opinione di Elisa Galaverna

Tra gli sponsor del premio, Necta, Mr.breakfast, Fas-Italia e General Fruit, abbiamo intercettato Elisa Galaverna, direttore marketing di General Fruit che ha dato vita al network SiBreakfast, al termine della premiazione, chiedendole un’opinione sull’iniziativa: “L’abbiamo sostenuta in maniera forte perché siamo assolutamente convinti che parlare di prima colazione in hotel sia ormai indispensabile. Per gli ospiti è un fattore importante e premiante per gli hotel, quindi qualsiasi iniziativa di qualità che attira l’attenzione su questo argomento ci trova favorevoli. Il risultato finale dimostra che anche qui stanno cambiando le cose e l’ospite è il primo fautore di questo cambiamento: gli hotel che se ne sono accorti considerano oggi la prima colazione non più solo come costo, bensì come grande valore aggiunto della loro offerta”.

 

www.breakfastaward.it
Foto della premiazione: Giorgio Salvatori

 

 H3A8961 Ph Giorgio Salvatori H3A8961 Ph Giorgio Salvatori H3A8961 Ph Giorgio Salvatori H3A8961 Ph Giorgio Salvatori

Condividi

Torna all'elenco

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.