Condividi

CONTATTACI

Sì Breakfast consiglia

A colazione o per un break è sempre l’ora del tè

Sfondo (in Pagina Consigli)

Complice la crescente attenzione a salute e benessere, aumenta il numero di quanti, anche al momento del breakfast, preferiscono sorseggiare una tazza di tè al posto di espresso e cappuccino, tanto è vero che da qui al 2021 nel nostro Paese Euromonitor prevede per il tè una crescita del 14% a volume e del 16% a valore.

Se è vero, infatti, che la produzione mondiale di tè è in crescita, avendo superato i 5,7 milioni di tonnellate nel 2016, il potenziale di domanda in Paesi come l’Italia (le cui importazioni al momento sono arrivate a 7mila tonnellate) è molto alto, non soltanto perché si parte da livelli di consumo piuttosto bassi ma anche perché l’attenzione alla salute e alla qualità è in forte ascesa, soprattutto nella fascia dei 25-40enni. E se la grande distribuzione al momento monopolizza l’80% dei volumi di tè, sempre più l’Horeca offre miscele particolari e di qualità. Non dimentichiamo, del resto, che il tè è la seconda bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua e che un’offerta adeguata si rivela fondamentale non solo per assecondare le nuove attitudini dei consumatori italiani ma anche per accogliere al meglio gli ospiti internazionali, asiatici in testa.

Una carta dei tè anche per il breakfast: soprattutto sul buffet della prima colazione, dunque, è bene che la proposta si faccia ampia e differenziata, per solleticare l’ospite con nuovi aromi.

Pronto a cogliere ogni nuova tendenza, il gruppo General Fruit ha puntato su uno specifico brand, House of tea, in grado di soddisfare più momenti di consumo, dalla prima colazione alla pausa pomeridiana. L’offerta si compone di tre distinte linee: i tè convenzionali, i biologici e le tisane. I primi, tè neri, bianchi e verdi, sono miscele dalle aromatizzazioni ricercate, presentati in una bustina filtro senza punto metallico e a doppia camera d’infusione (in modo da rilasciare al meglio l’aroma), conservata in una bustina salva aroma termosaldata, per rendere massima l’esplosione del profumo e del gusto in tazza.

I tè biologici, invece, sono miscele accuratamente selezionate e di alta qualità, che propongono vari gusti, dal classico English Breakfast al tè bianco fino al Rooibos.

La linea delle tisane, infine, risponde con i suoi dieci diversi gusti, alla voglia di relax e alle diverse esigenze della giornata: Vitalità, Purificante, Tre erbe, Disintossicante, Rilassante, Speziata, Finocchio, Digestiva, Benessere e Serenità. A completamento dell’offerta, considerato che nel caso del tè il servizio riveste un’importanza ancora più sentita, l’azienda ha previsto degli appositi materiali: una tazza-teiera in vetro, una tazza in vetro con coperchio e un pratico menu che descrive ogni singola proposta.

Diffondere la cultura del tè Il fuori casa, dunque, può diventare il luogo e l’occasione per diffondere la conoscenza di tè e tisane e far sperimentare la loro straordinaria ricchezza. Ogni momento di consumo, infatti, può avere la sua specifica miscela. Per la prima colazione, per esempio, è indicato un tè dalle spiccate note tanniche, che risveglia e rinvigorisce; a chi alla colazione sostituisce un brunch si potrà consigliare un tè verde, mentre dopo pranzo o dopo cena oltre a una tisana digestiva si dimostrerà rinfrescante un tè allo zenzero e limone. Le varietà indispensabili per un buffet Per poter consigliare al meglio l’ospite, ricordiamo le caratteristiche più peculiari delle principali varietà di tè.

L’Earl Grey, per esempio, era in origine un tè nero aromatizzato al bergamotto. Ora, però, sono definite Earl Grey anche le varietà a base di tè verde, bianco e Oolong. Con il suo aroma intenso e fresco è perfetto per la colazione e il tè del pomeriggio, anche in versione fredda.

Il Darjeeling è il tè proveniente dall’omonima regione indiana, nel Bengala Occidentale. È tradizionalmente considerato il più pregiato dei tè neri, soprattutto in Gran Bretagna, tanto da essere definito lo “Champagne dei tè”; ha un aroma floreale e un sapore leggermente astringente. Una curiosità: per potersi fregiare di questa denominazione, ogni tè proveniente dalla regione del Darjeeling è sottoposto a una serie di test di qualità e di gusto.

Il tè bianco, fino a non molto tempo fa sconosciuto al di fuori della Cina, si ottiene solo dalle foglioline più tenere della pianta dalla quale si ricava il tè, la Camelia sinensis, raccolte solo due volte all’anno (all’inizio di aprile e di settembre), nell’arco di due soli giorni. Le foglioline vengono quindi fatte appassire al vapore ed essiccate lentamente e non subiscono alcuna ulteriore trasformazione, a differenza di agli altri tipi di tè, sottoposti, invece, a seconda della varietà, a processi di torrefazione, fermentazione e ossidazione.

Tra tutti i tè, quello bianco possiede il più alto livello di antiossidanti, in grado di proteggere il corpo dall’assalto dei radicali liberi, responsabili dei principali fenomeni di invecchiamento.

BOX Un tè per ogni occasione, convenzionale e bio. Ogni momento della giornata ha il suo tè giusto.

Ecco la selezione offerta da House of tea:

- Earl Grey - Darjeeling - Tè verde China - Tè nero alla pesca - Tè nero all’arancia - Rooibos alla vaniglia - Tè verde alla marocchina - Tè verde ai frutti rossi - Tè bianco Cina Bio - English Breakfast Bio - Zenzero e limone Bio - Camomilla Bio - Rooibos Bio

Condividi

Torna all'elenco

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.